Trionfano il Cuore dei Nano Boys e il Pianto dell'Atletico Franconia

Si è da poco conclusa la stagione 2019/20 della PEFL, contraddistinta dall’emergenza Covid-19 che inevitabilmente ha lasciato un segno indelebile, posticipando la fine della stagione ai primi di agosto.

Una stagione lunghissima che alla fine ha visto trionfare in campionato i Nano Boys, che hanno conquistato così il loro quarto scudetto nella storia. Con questo successo gli emiliani sono il primo club della PEFL ad aver vinto 4 campionati. Nella FantaCoppa, invece, ha trionfato l’Atletico Franconia, che ha conquistato la sua terza coppa nella sua storia, ottenendo così il diritto di applicare la Stella d’Argento sulle proprie divise. Con questo onore l’Atletico Franconia, insieme alla G.G.R., può vantarsi di avere tutte tre le stelle sulla propria divisa. La Supercoppa è finita nelle mani dei Nano Boys, che cosi dopo la Stella d’Oro potranno applicare sulle proprie divise la Stella di Bronzo, avendo ottenuto la vittoria di 3 Supercoppe.

Prima di dare il via alla nuova stagione, che dovrebbe iniziare il prossimo 19 settembre noi del FantaNews abbiamo voluto realizzare un’intervista doppia ai protagonisti di questa stagione Salvatore Guerrera e Giuseppe Merrino.

Buongiorno una stagione lunghissima finalmente si è conclusa. Si aspettava che i Nano Boys al rientro nella PEFL potessero già vincere campionato e supercoppa?

S. G.: “Assolutamente no! È stata una grandissima e piacevolissima sorpresa. La vittoria di uno splendido gruppo che ci ha creduto fino all’ultimo e non ha mollato mai.”

G. M.: Mister Guerrera, a parte la parentesi sfortunata con il Cayosa Team, ha sempre saputo portare le sue squadre ai livelli più alti. Quindi non possiamo considerare i Nano Boys una sorpresa, anche se per me il favorito assoluto ad inizio stagione era il Mojito United.”

La FantaCoppa è stato un torneo equilibrato, dove si è lottato sino all’ultima giornata per ottenere un posto in finale. Credeva nel trionfo finale dell’Atletico Franconia?

S. G.: Non credo che l’Atletico fosse il favorito. Se avessi dovuto puntare avrei scommesso sui Rangers sinceramente, ma conosciamo tutti lo spessore di Mr. Merrino. Grande esperienza, scelte azzeccate, complimenti a lui, la Fantacoppa è un trofeo molto prestigioso!”

G. M.:La formula del torneo ha reso tutto molto avvincente, ma credo che L’Atletico Franconia abbia meritato ampiamente la vittoria della Coppa, dimostrando di essere una delle squadre più in forma, dopo la lunga sosta forzata per la Pandemia da Covid.”

Ad inizio stagione tutti i pronostici lasciavano credere ad un dominio del Mojito United. Si aspettava che la squadra di mister Borioli concludesse la sua stagione senza vincere alcun titolo?

S. G.: È stata senza ombra di dubbio la più grande sorpresa della stagione, in negativo purtroppo. Mr. Borioli aveva allestito una rosa da Triplete e la stagione regolare ha dimostrato la forza del Mojito. Credo sia stato parecchio sfortunato ed dopo la fine del campionato la squadra e il mister hanno un pò mollato. Faccio comunque tantissimi complimenti al mister, è stato emozionante duellare con lui per tutta la stagione.”

G. M.: “Onestamente mi aspettavo che i catanesi facessero un sol boccone delle avversarie, ma il nostro campionato è spesso equilibrato, al di là dei valori sulla carta. Vorrei però sottolineare che Borioli non è l’unico ad aver vinto zero titoli: la lista è lunga e molti dovranno rivedere le proprie strategie in vista della prossima stagione.”

Quale è stata la squadra rivale che la sorpresa di più?

S. G.: Mi ha molto sorpreso in positivo la seconda parte di stagione della GGR. Alla fine del girone d’andata sembrava spacciata e invece…..”

G. M.: “Credo che l’unica squadra che sia andata oltre le aspettative di inizio stagione siano stati proprio i Nano Boys ed il mio Atletico Franconia. Per tutte le altre, complici anche i molti imprevisti, non sarà certamente una stagione da ricordare positivamente.”

E invece secondo lei chi ha reso meno delle aspettative tra i suoi rivali?

 S. G.: “Dallo Iaconaccio mi sarei aspettato di più. La squadra aveva del potenziale , il coach l’ho visto un pò arrendevole…”

G. M.: Ormai siamo tutti abituati a vedere la GGR nei bassifondi della classifica. Speriamo che i nostri storici rivali sappiano riprendersi dalla loro lunga crisi societaria, perché sentiamo molta la nostalgia di sfide appassionate ed equilibrate coi messinesi. Credo che Il buon Francesco Loria sia ormai appannato dopo alcuni anni a buoni livelli, forse dovrebbe dimettersi e fare largo ai giovani.”

A suo avviso chi è stato l’uomo in più della sua squadra?

 S. G.: “Come detto prima questa è sicuramente stata la vittoria del gruppo. A fasi alterne tutti hanno dato un grande contributo alla causa. Se devo fare un nome credo che Ilicic sia stato l’uomo in più nel momento decisivo della stagione , ne approfitto per ringraziarlo e salutarlo , sta attraversando un momento difficile adesso.”

G. M.: Il Capitano Paulo Dybala ha confermato di essere il miglior giocatore del campionato, nonostante ad inizio stagione in pochi credessero che potesse confermarsi sui suoi livelli, dopo la vittoria del Campionato. Inoltre l’arrivo di un fuoriclasse come Ibrahimovic ci ha fatto fare il definitivo salto di qualità che ci ha permesso di trionfare in Coppa.”

E invece c’è qualcuno che la delusa tra i suoi?

 S. G.: “Partiamo dal presupposto che sono soddisfatto del rendimento di tutti. Probabilmente, considerato il grosso bagaglio tecnico che si porta dietro, Lorenzo Pellegrini avrebbe potuto fare qualcosa in più.”

G. M.: Non parlerei di delusioni, ma certamente siamo stati condizionati nel corso della stagione dai troppi e prolungati infortuni: cito solo quelli di Douglas Costa, Quagliarella e Sanchez che ci hanno condizionato maggiormente ed hanno limitato le nostre opzioni offensive.”

La nuova stagione è già alle porte ha per caso già idea da quali uomini ripartire?

 S. G.: “I nomi li ho già in testa ma non intendo rivelarli adesso alla stampa . Ho solo un dubbio nel settore offensivo.”

G. M.: “Come sempre L’Atletico darà continuità alle proprie scelte, cercando di puntellare una rosa già competitiva con i nuovi talenti che ci pregiamo, anno dopo anno, di portare alle luci della ribalta. Ci piacerebbe riportare Cragno a Venezia, che fa parte della generazione di “nuove scoperte”, come Di Lorenzo, Lazovic ed Orsolini, solo per citarne alcuni, su cui puntiamo forte anche per il futuro.”

Nella UIFA la scorsa stagione ha trionfato lo Supa Strikas. La Champions League può essere un obiettivo a portata del suo club?

S. G.: “Cercheremo di fare del nostro meglio. Ci siamo guadagnati il pass per la partecipazione a questa splendida competizione ma sappiamo che arrivare in fondo sarà molto difficile, ci sono tanti fattori in ballo. Ci faremo dare qualche dritta da Mr. Morales ;)”

G. M.: “La Vittoria del Supa Strikas in Europa League è stato un vanto per tutta la nostra Lega e credo che il ripescaggio sia stato il giusto riconoscimento da parte dei colleghi per Morales e Bertano. Il nostro cammino in Champions quest’anno si è interrotto soltanto in semifinale, peraltro in circostanze molto particolari. Quindi la Coppa dalle grandi orecchie certamente sarà uno degli obiettivi principali per la prossima stagione.”

Ringraziandola per la sua disponibilità Le pongo un’ultima domanda sull’attualità sportiva: si aspettava l’approdo di Pirlo sulla panchina della Juventus?

S. G.: “È stata una decisione che mi ha letteralmente lasciato di sasso ,la definirei azzardata. Spero comunque che Andrea ci stupisca tutti!!!”

G. M.:  “Ma che domande sono? Le rivolga a gente come Tino Loria che non ha nulla da fare, queste domande. Su Pirlo posso solo dire che è stato uno dei punti fermi dell’Atletico Franconia nei suoi ultimi e scintillanti anni da calciatore, quindi la stima nei suoi confronti è assoluta. Alla Juve, da allenatore, mi auguro che sappia fare meglio del suo predecessore.”

francescoloria
Agosto 12, 2020
Tags: ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *